Fabrizio De André - Creuza De Ma
l'EROTISMO di DOLCENERA - Fabrizio De André - Creuza De Ma CD Musicali

L'Opinione più recente: ... e sonorità e filosofia umana. ascoltando i vari brani ci si sente calati in atmosfere che ci riportano al passato quando nella... altro

l'EROTISMO di DOLCENERA
Fabrizio De André - Creuza De Ma

bad.frog

Nome dooyoo: bad.frog

Prodotto:

Fabrizio De André - Creuza De Ma

Data: 25/01/02   Ultima modifica il 25/01/02 (2666 letture)

Valutazione:

Vantaggi: erotismo allo stato puro

Svantaggi: ---

Voglio farvi leggere il testo di quella che a mio avviso è una della canzoni più belle di De Andre'... DOLCENERA

E' una canzone che possiede una carica erotica pazzesca.. Così carica di metafore, di frasi non dette ma lasciare intendere... ascoltarla ti fa vivere le emozioni, le paure, la passione che si consuma nella storia di un tradimento fra una donna bella, mistyeriosa e fatale e l'amico del marito... Vive questa storia nongià come una cosa del quale essere fieri, ma come una maledizione, una sorta di sconfitta della ragione ad opera dei sensi... una tentazione ed una passione irrefrenabile e beffarda....

La sensazione che si prova a vedere una creatura che, per quanto moralmente da eviatre, ti spinge a desiderare quello che non devresti, il più infame degli atti, il più immarale dei tradimenti... quello ad un amico.

... e poi la finta indifferenza, la freddezza del dopo, la voglia di confondersi fra la gente e lavare nella massa la macchia che lascia dentro l'essere stati vili...



Leggete il testo, ma poi ascoltate la canzone figurandovi la situazione e spero che vi trasmetta delle forti emozioni





Nera che porta via,

che porta via la via,

nera che non si vedeva da una vita intera così dolce e nera...

Nera che picchia forte,

che butta giù le porte...

Nera di malasorte,

che ammazza e passa oltre,

nera come la sfortuna che si fa la tana dove non c'è luna...

nera di falde amare,

che passno le bare....



Ma la moglie di Anselmo non lo deve sapere,

chè è venuta per me,

è arrivata da un'ora,

e l'amore all'amore come solo argomento,

e il tumulto del cielo ha sbagliato argomento...



Acqua che non si aspetta,

altro che benedetta...

Acqua che porta male,

sale dalle scale,

sale senza sale...

Acqua che spacca il monte

che affonata e terra e monte....



Ma la moglie d'Anselmo sta sognando del mare,

quando ingorga gli anfratti, si ritira e risale....

... e il lenzuolo si gonfia sul capo dell'onda

e la lotta si fa scivolosa e profonda



Acqua di spilli fitti,

dal cielo e dai soffitti...

acqua per fotografie,

per cercare i complici da maledire...

Acqua che strige i fianchi,

tonnara di passanti



Oltre il muro dei vetri,

si risveglia la vita

e si prende per mano

a battaglia finita,

come fa quest'amore

che dall'ansia di perdersi

ha trovato in un giorno

la certezza di aversi



Acqua che ha fatto sera,

che adesso si ritira,

passa, sfila tra la gente

come un innocente che non centra niente...

Fredda come un dolore,

dolce e nera senza cuore



... e la moglie d'Anselmo sente l'acqua che scende

dai vesti incollati da un leggero difetto,

nel suo tram scollegato da ogni distanza

nel bel mezzo del tempo che adesso le avanza....

Fu così quest'amore

dal mancato finale,

così splendido e vero da potervi ingannare...



la mia opinione finisce così…. Non aggiungo altro……..

Conclusione:

Acquista qui

Fabrizio De André - Creuza De MaRecensioni