Ristorante Ciabot, Rivanazzano (PV)
ILRISTORANTE PIù PAZZO DEL MONDO - Ristorante Ciabot, Rivanazzano (PV) Guide Metropolitane

L'Opinione più recente: ... sala principale è molto ampia con tavoli e sedie di legno dall'aspetto motlo spartano. Già il menù è tutto un programma: ANTI... altro

ILRISTORANTE PIù PAZZO DEL MONDO
Ristorante Ciabot, Rivanazzano (PV)

perroca

Nome dooyoo: perroca

Prodotto:

Ristorante Ciabot, Rivanazzano (PV)

Data: 04/08/08

Valutazione:

Vantaggi: l'atmosfera goliardica, spettacolare il cambio dei piatti

Svantaggi: il prezzo, secondo me eccessivo

Reduce da una cena di compleanno non posso fare a meno di condividere con voi l'esperienza unica che questa trattoria può regalarvi...pronti???

Si parte!
La trattoria è stata ricavata da un antica cascina del 1500, nella foto si vede l'ingresso al ristorante.
E' aperta solo il venerdì e il sabato sera, solo su prenotazione.
Si trova a Rivanazzano (PV), io non sono della zona e per trovarla abbiamo sbagliato più volte strada anche perchè il paese mi è sembrato piuttosto piccolo (credo..erano già le 10 di sera...)
Però potete sempre seguire le istruzioni del sito del ristorante:

DA MILANO: Sulla Milano - Genova, si esce a Casei Gerola, poi si prosegue per Voghera (7 Km). All'entrata di Voghera si prende per Varzi oppure Salice Terme. Il primo paese fuori Voghera è Rivanazzano. Entrando in Rivanazzano, al primo semaforo prendere a sinistra e dopo 50 mt. si vede l'insegna CIABOT.
DA PIACENZA: Si prende l'autostrada Torino - Piacenza, si esce a Voghera e si seguono le indicazioni per Varzi o Salice Terme come per chi arriva da Milano.

DA GENOVA: Sulla Genova - Milano (A7) si esce a Tortona e si prosegue per Salice Terme. Arrivati a Rivanazzano, si seguono le indicazioni per il centro. Una volta nella piazza centrale si segue per Voghera: a 150 mt. si vede l'insegna del CIABOT.
La cascina è una cascina tipica lombarda in mattoni, tetto in legno, pavimenti in cotto e quant'altro...la sala principale è molto ampia con tavoli e sedie di legno dall'aspetto motlo spartano.
Già il menù è tutto un programma:

ANTIPASTI: Antipasto
PRIMI: Primo
SECONDI: Secondo
DOLCI: Dolce
VINI: bianco e rosso

Ma la sorpresa continua appena prendete posto: la tavola è apparecchiata con un piatto poggiato sopra ad uno straccio del pavimento (poi capirete perchè) sopra di esso è posata una bavaglia con il logo del ristorante e una ciotola che sarebbe il bicchiere.
Al centro del tavolo c'è una bella damigiana (di quelle piccoline) da cui si riempiono le brocche poste sul tavolo.
Legiamoci la bavaglia e aspettiamo l'antipasto...nel frattempo arriva un cameriere con a tracolla una pompa per il fertilizzante che in realtà contiene l'aperitivo, basta chiedere e lui te lo spruzza direttamente in bocca!!!

Arrivano gli antipasti: polenta gialla con una specie di sugo di carne (scusate, ma a me la polenta della bassa non crea troppo entusiasmo, preferisco la taragna valtellinese), affettati serviti su una tegola, salame cotto con purè e un ricco buffet con verdure grigliate.

Ora il vostro piatto è tutto bello sporco e vi aspettate che ve lo cambino, giusto???
Beh..non è proprio così..parte una bella musica ritmata, i camerieri vi invitano ad alzarvi con il piatto in mano e vi fanno fare un bel trenino fino in cucina dove consegnate il piatto sporco e ne prendete uno pulito...è un po' deludente...io pensavo me lo riempissero ancora!!!

Quando meno te lo aspetti arriva Franco, il proprietario del locale con una cariola piena di fumante risotto ai funghi e i camerieri armati di frattazzo e cazzuola...beh, ognuno si carica il riso sul frattazzo e ve lo butta letteralmente nel piatto con la cazzuola (per questo lo straccio sotto perchè cmq quancosa esce sempre dal piatto, anche se i camerieri hanno una mira ottima!). Veramente esilarante!!!
E' la volta poi dei ravioli che vengono portati dentro un calderone...il cameriere vi ribalta il piatto del riso (quindi se è avanzato va a finire sullo straccio) e ve li butta sul piatto.
Nell'intermezzo le ragazze vengono chiamate a salire sul piccolo trattore guidato da uno dei camerieri e a farsi un giro in mezzo ai tavoli...ovviamente agghindate nei modi più strani con sombreri giganti, copricapi di tutti i tipi offerti dalla casa!

Il secondo arriva normalmente: stinco di maiale e arrosto con patate al forno..
Il dolce arriva in un vaso da notte (non vi dico cosa sembra, vi dico solo che è a base di cioccolato) e viene servito o sulla testa di qualche avventore calvo (per ovvi motivi) e fatto leccare dalle donne presenti, o spalmato sul decolteè delle signore...
Il caffè arriva dentro delle teiere di metallo, l'ammazzacaffè ve lo versano in bocca tramite un grosso imbuto...
Il dolce si taglia con la mannaia e in una cassetta degli attrezzi trovano posto le bottiglie di spumante.

Il tutto con sottofondo di musica, finita la cena si balla sui tavoli e spesso la serata degenera in gavettoni e scherzi di ogni tipo.

MA VENIAMO ALLE NOTE DOLENTI:
il prezzo secondo me, in relazione alla qualità di quello che ti servono, è scandaloso: 45 Euro a testa, a noi li hanno fatti pure pagare in anticipo...

Le pietanze sono classiche della trattoria ma non sono eccelse, anzi i ravioli eranpo duretti, forse ripieni di carne, ma non l'ho capito, mentre il riso credo che fosse ai funghi ma in realtà non sapeva per nulla di funghi...
Mi hanno detto che la carne era ottima, io non l'ho mangiata perchè sono vegetariana...
Alla fine per il cibo che ti danno sarebbe stato più onesto chiedere 20 euro, 30 a essere esagerati.
E' vero che il tutto è molto coreografico ma a loro non comporta una spesa esagerata...

La torta per il festeggiato era una miseria, due piccole crostate che per 40 persone erano ridicole...per fortuna erano tutti mezzi ubriachi e pieni da prima...
Se non amate questo genere di posti, evitate di andarci..per me è stata molto molto simpatica come cosa, perlomeno è da provare, metto quattro stelline, ma se fosse per me non credo che tornerò di nuovo...


Un'ultima cosa: ovviamente non andate vestiti eleganti!!!
Se volete dare un'occhiata alla fotogallery o al locale ecco il link:

http://www.ciabot.com/

Conclusione: da provare, ma io non ci tornerei...

Acquista qui

Ristorante Ciabot, Rivanazzano (PV)Recensioni