Céréal Lievito di birra
Céréal lievito di birra: buono per il corpo e non per fare il pane. - Céréal Lievito di birra Integratori alimentari

Più Integratore dietetico Céréal

L'Opinione più recente: ... che gli integratori, non possono essere sostitutivi di una corretta alimentazione, ma in parecchi casi possono aiutare. Personalmente, a... altro

Céréal lievito di birra: buono per il corpo e non per fare il pane.
Céréal Lievito di birra

Fantaghirella

Nome dooyoo: Fantaghirella

Prodotto:

Céréal Lievito di birra

Data: 30/03/10

Valutazione:

Vantaggi: Ottimo per molti disturbi e carenze.

Svantaggi: Non è onnipotente.

Ho conosciuto il lievito di birra in compresse un po' di anni fa, quando ho avuto problemi di salute dovuti a carenza di vitamina B.

Dopo le dovute cure mediche e vari controlli che hanno normalizzato la situazione il medico, su mia richiesta, mi ha consigliato di assumere delle compresse di lievito di birra, naturalmente ricche di vitamina B, proprio quello che serviva a me.

Conoscevo per sentito dire l'azienda Céréal che produce molti prodotti per l'interazione alimentare.
Fra questi produce anche il lievito di birra, e si può reperire in tutti i supermercati che dispongono di un reparto di integratori alimentari.

Ma cos'è questo prodotto?

Il lievito, costituito dalle cellule di Saccharomyces Cerevisiae fatte crescere sull'orzo germinato (malto) e tradizionalmente denominato lievito di birra, è un alimento naturale ricco di vitamina del complesso B ( B1, B2, B6, B12 ).

Ma il lievito contiene anche altri importanti sostanze benefiche: fra queste posso ricordare il magnesio, il potassio, vitamine PP - E - D, fosforo, enzimi ed aminoacidi essenziali....

C'è il classico lievito di birra da utilizzare per la panificazione o per la produzione della birra, e c'è il lievito di birra utilizzato come integratore alimentare e serve per molti disturbi e carenze del nostro corpo.

Attenzione: i due prodotti anche se hanno il nome uguale non sono da confondersi. Mai ed in nessun caso si deve pensare che il lievito di birra per la panificazione sia uguale a quello dell'integrazione alimentare.
E MAI si deve credere che il lievito della panificazione sia un sostituto del lievito di birra in compresse venduto come integratore...

Cosa contiene il prodotto?

Le compresse in commercio contengono solo ed esclusivamente lievito di birra essiccato.

Un solo ingrediente per mille utilizzi e mille soluzioni.


Ed allora quali sono gli utilizzi e le soluzioni di questo lievito?

Innanzi tutto se si ha carenza di vitamina B, alcune compresse prese tutti i giorni ed ecco che la carenza se ne va.

Per chi ha capelli deboli e fragili, anche in questo caso una cura di lievito di birra porterà dei benefici alla capigliatura.

Le unghie deboli sono un vostro problema? Il lievito di birra assunto con regolarità vi aiuterà ad avere delle belle unghie, forti e sane.

Se la pelle del vostro corpo è tendente al grasso ed anche un po' acneica, con il lievito di birra ne trarrà giovamento.

Se si è intrapreso una dieta dimagrante, MA SOTTO CONTROLLO MEDICO, è utile assumere del lievito di birra per reintegrare un po' di quelle vitamine di cui si è carenti per la diminuzione di alimenti ingeriti.

Quando si assumono degli antibiotici è consigliabile assumere anche degli integratori alimentari che contengano vitamine. In questo caso si può assumere anche del lievito di birra.

Se si pratica un'attività sportiva di media entità l'assunzione di lievito di birra ricca di vitamina B aiuta a migliorare le prestazioni sportive.

Nelle persone anemiche il lievito di birra apporta anche acido folico utile in questo caso.

Le persone che fumano, E CHE SAREBBE MOLTO MEGLIO CHE SMETTESSERO, hanno bisogno più che mai che il loro stato vitaminico sia sempre al massimo. In questo caso il lievito di birra riequilibra naturalmente questo stato.

Il lievito di birra è molto utile nella crescita dei bambini e nelle persone convalescenti che hanno bisogno di un rapido recupero energetico.


Posologia giornaliera e durata della cura.

Innanzi tutto questa non è una cura vera e propria, ma un'integrazione all'alimentazione che deve essere sempre e comunque molto varia, ricca di frutta e verdura e povera di grassi.

L'assunzione giornaliera varia dalle 5 alle 10 compresse, in base alle esigenze personali di ognuno di noi.

È preferibile assumere il lievito di birra a stomaco vuoto per accelerarne l'assorbimento e l'assimilazione di tutti componenti del prodotto.
Un'ulteriore aiuto si ha se le compresse di lievito vengono assunte con del succo di frutta.

La durata della cura non deve MAI essere inferiore ai TRE mesi consecutivi. Solo così si potranno riscontrare i benefici attesti e comprendere se in prodotto funziona veramente o meno.

Una cura fatta a singhiozzo non porterà quasi mai al beneficio atteso e la delusione sarà sempre in agguato.

Il periodo migliore per iniziare la cura è la primavera e l'autunno, ma anche nelle altre stagioni si ottengono sempre dei buoni risultati.

Terminato il ciclo dei tre mesi, sospendere per un mese e se necessario ricominciare da capo.


Alcune informazioni sulla ditta produttrice:

l'azienda è sul mercato dal 1951 e commercializza prodotti nutrizionali per il benessere del corpo, fra cui prodotti provenienti da agricoltura biologica,
prodotti senza glutine,
crusche e lieviti,
condimenti,
succhi e biscotti,
e tanto altro ancora.

Tutto comincia nel 1937, quando una coppia di coniugi mugnai di nome Bomel, insieme al dottor Bayle medico omeopata ed al dottor Archimbaul di professione farmacista decidono di vederci chiaro sulle risorse che madre natura mette a disposizione dell'uomo e che questo invece quasi non se ne accorge.
Il loro scopo è quello di utilizzare tutto quanto questa mette a loro disposizione, e nel loro caso specifico vogliono documentarsi al massimo su tutti i nutrimenti delle farine, siano esse normali od integrali.

Fanno analizzare la loro farina integrale ad un laboratorio di Lione ed i risultati che ne conseguono sono davvero "illuminanti".
Danno inizio così ad una società che mette in commercio la farina dedicata all'alimentazione infantile, ma visto il grande successo ottenuto, il prossimo passo è quello di far nascere stabilimenti che producano anche biscotti e pane. L'azienda si chiamerà "Cérèal" come i prodotti utilizzati per la produzione degli alimenti.

La scomparsa del signor Bomel fa andare in crisi l'azienda, ma fortunatamente nel 1951 una coppia di fratelli dal nome Odouard rilevano l'azienda e la portano al livello internazionale.
Con la comparsa di un altro protagonista sulla scena ecco che il ciclo si completa.
Un tal signor Annonay Andrè Roux si presenta sulla porta dell'azienda asserendo di poter apportare alla ditta delle novità ed arricchire così la gamma dei prodotti proposti.
Per accreditare quanto asserisce, il signor Roux dà prova della sua grande competenza in campo iridologo ed igenista, e questo gli garantirà il pieno consenso dei due titolari dell'azienda.

Nasce così una grande squadra di produttori che ancora oggi portano sugli scaffali dei supermercati molti prodotti che contribuiscono al nostro benessere fisico e psicologico.


Ma ora torniamo alle nostre compresse di lievito di birra!

Cosa contengono l'ho già detto...
A cosa servono ve l'ho già spiegato...
Come si devono prendere e per quanto tempo...pure questo ve l'ho detto...

Ma come si presentano sullo scaffale del supermercato?
Ecco, questo mi ero dimenticato di dirvelo...

Le compresse di lievito di birra sono contenute in un vasetto di vetro dal colore marrone ed è rivestito completamente da un bella etichetta in cui si trova il nome dell'azienda, una fotografia in cui si vedono come sono fatte le compresse e alcune informazioni sul prodotto, il suo utilizzo, la composizione chimica, i valori nutrizionali e il luogo di produzione del prodotto.

Il vasetto di vetro è chiuso da un tappo bianco che a sua volta è coperto da una plastica termosaldata
che ne garantisce la perfetta integrità del prodotto fino al suo arrivo nella nostra casa.

La confezione deve essere conservata in un luogo fresco, al riparo dalla luce e dal calore e deve essere utilizzato entro la data di scadenza che è stampato in chiare lettere sulla ghiera del coperchio, normalmente almeno 12 mesi dopo il suo acquisto.

Il prodotto è proposto sotto forma di compresse.
Il suo profumo magari non è tra i più invitanti e, soprattutto le prime volte, questo magari fa storcere un po' il naso.
Dovendole però deglutire intere, non fate tanto gli schizzinosi: un bel sorso di succo di frutta dopo la compressa e voilà il gioco è fatto!!
Attenzione però a non incantarvi troppo nel mandar giù il boccone altrimenti vi ritroverete con in bocca una bella poltiglia un po' disgustosa.
Il lievito assorbe in maniera veloce ogni tipo di liquido, per cui anche un solo secondo di esitazione e vi sentirete le compresse sciogliersi in bocca.

Ma non preoccupatevi, al massimo sbagliate una volta, perché alla seconda volta sarete più veloci della luce.


Nel flacone ci sono contenute 240 compresse, il che al ritmo di 8 compresse al giorno vuol dire che vi durerà 30 giorni, cioè un mese.
Il suo costo si aggira sui 4 euro circa. Non ho mai visto questo prodotto in offerta speciale, per cui il prezzo che trovate nel vostro supermercato sarà quello costantemente nel tempo.

Il luogo di produzione stampato sul flacone in mio possesso è il Belgio. Non c'è indirizzo o città, solo la nazione e basta.

I valori nutrizionali di questo prodotto sono pari a 277 calorie per 100 grammi, ma siccome 100 grammi per volta non si utilizzeranno mai ecco allora che è stato dato anche il valore nutrizionale di 5 compresse che è pari a 5,8 calorie.

All'inizio, se vi ricordare, vi ho detto di non confondere questo lievito di birra in compresse con quello in cubetti che si utilizza per fare il pane o la pizza.

Sapete perché?
Ho letto da molte parti che c'è chi utilizza il lievito per fare il pane per assumerlo come se fosse un integratore.
Ma la cosa è molto, ma molto sbagliata.
Se tutti e due si possono chiamare lievito di birra, perché in realtà lo sono entrambi, è la loro preparazione finale che li fa così drasticamente differenti.

Nel panetto il lievito di birra è in forma "rinforzata", con i batteri lievitanti molto attivi e pronti ad agire quando vengono in contatto con la farina e l'acqua.
Questo lievito è molto aggressivo, e l'assunzione di esso porta a dei problemi gastrointestinali di notevole entità.
Può dar luogo a bruciori di stomaco, gastriti e, in casi limite, anche ad ulcere... quindi problemi davvero importanti.

Il lievito in compresse invece è stato "ingentilito" se così possiamo dire.
Esso è stato essiccato, e questo processo ha tolto al lievito la parte aggressiva di esso, mantenendo però inalterate le sue qualità di cui vi ho ampliamente parlato.


Avvertenze:

durante la digestione il lievito di birra assunto si trasforma in purina, che poi si trasforma in acido urico.
Per questo è MOLTO IMPORTANTE non superare mai, in nessun caso, le dosi consigliate di 10 compresse al giorno.
Si avrebbero dei seri problemi dovuti all'acido urico presente nel nostro corpo.

In conclusione:

il lievito di birra può dare una mano a risolvere piccole problematiche che nel corso della nostra vita ci possono capitare, ma NON SARA' MAI UN MEDICINALE che curerà una malattia.

Come sempre vi dico, se il problema non si risolve in un lasso di tempo ragionevole è consigliabile, anzi obbligatorio, andare dal proprio medico curante per un consulto approfondito.

Il mio problema di mancanza di vitamina B è stato egregiamente risolto.
Vero è anche che il suo uso è costante e regolare, e questo vuol dire che quando si inizia una cura con questi prodotti non ci si deve aspettare un risultato immediato e miracoloso, ma un aiuto costante nel tempo.

Ora che di questo prodotto ne sapete un po' di più vi consiglio di provarlo, essere costanti nell'assunzione e vederne i risultati.

Hai visto mai che funzioni per quel piccolo problemino che da un po' di tempo ti affligge?

Conclusione: Da provare e valutare.

Acquista qui

Céréal Lievito di birraRecensioni