Spitz Tedesco
Il mio (peloso) amico a 4 zampe - Spitz Tedesco Piante e Animali

L'Opinione più recente: ... subito immaginato con un ossicino conficcato sul peoi della testa)!! Alcuni sono stati compagni di Personaggi importanti e molto noti c... altro

Il mio (peloso) amico a 4 zampe
Spitz Tedesco

Lady_Violet

Nome dooyoo: Lady_Violet

Prodotto:

Spitz Tedesco

Data: 21/10/09   Ultima modifica il 22/10/09 (12440 letture)

Valutazione:

Vantaggi: Intelligente, vispo, affettuoso. Il suo pelo non dà problemi particolari.

Svantaggi: Delicato di stomaco; carattere testardo. Difficile accoppiarlo se è troppo piccolo.

Ho desiderato un cane per anni. Sono stata accontentata dai miei genitori, solo quando mi sono resa conto che un cane non è un semplice animale domestico: è come un altro membro della famiglia, con una sua personalità e dei sentimenti profondi.
La mia esperienza con il mio spitz tedesco, mi ha insegnato una cosa fondamentale: l'amore del proprio cane si conquista con pazienza e facendo anche qualche piccolo sacrificio.

Una precisazione: un cane di piccola taglia, purtroppo, non si trova in canile. Ci siamo rivolti ad un rifugio per randagi: gli unici cani disponibili erano già adulti e ci hanno sconsigliato d'adottarne uno, dato che avevamo già un gatto.
Varie ricerche ci hanno portato a scoprire questa bellissima razza e abbiamo deciso dopo esserci resi conto di poter affrontare un nuovo ingresso, d'adottarne un esemplare.

**LA RAZZA**
Si definisce Spitz (o volpino di Pomerania, in caso di dimensioni ridotte) la razza di cani, più antica d'Europa. Gli Spitz discendono dal Torfhund, cane che viveva nei villaggi Pfahlbau, situati in Germania.
Gli spitz più diffusi sono rossi e arancio, si può incontrare qualche esemplare bianco, mentre è abbastanza difficile imbattersi in uno nero.

**LA TAGLIA**
Chiariamo una cosa: un cane non è una mucca. Non si valuta a peso: lo spitz non è un chihuaua e pur possedendo un esemplare molto piccolo (24 centimetri al garrese) vi posso assicurare che non è un toy dog (che brutta definizione!).
Non vi conviene chiedere al vostro venditore, quanto il cucciolo crescerà o come diventerà: vi risponderà quasi sicuramente, che da adulto le sue dimensioni aumenteranno "appena". Lo sviluppo di uno spitz dura ben due anni e non è obiettivo aspettarsi che rimanga un batuffolino.
Non sempre gli allevatori si comportano nello stesso modo con tutti gli acquirenti: nel mio caso ad esempio, mi ha mostrato il padre del mio cane e mi ha detto chiaramente come sarebbe diventato da adulto (non certo un toy). Il mio invece è rimasto piccolo.
Ho incontrato altri possessori di spitz, presi dalla medesima persona e ho visto che i loro cani erano il doppio del mio. E' stato curioso sapere che nel loro caso, ha esattamente detto l'opposto di ciò che ha detto a me, in altre parole che i loro cani sarebbero rimasti molto piccoli.
Per chiarirvi le idee, vi riporto le altezze al garrese dei vari Spitz:

-Spitz Medio: dai 34 ai 38 cm
-Spitz Piccolo: dai 26 ai 29 cm
-Spitz Nano: dai 20 ai 23 cm

Lo Spitz Piccolo è molto carino, ma ha un difetto: è molto difficile accoppiarlo o nel caso di una femmina, affrontare un parto tranquillo dato le sue dimensioni ridotte.
In compenso è un cane molto leggero (soprattutto il maschio) e resistente, adatto alle lunghe passeggiate.

**IL CUCCIOLO**
Il cucciolo di Spitz piccolo o toy, ha le dimensioni di una cavia (non sto esagerando).
La parte più impegnativa del vostro percorso, è proprio la prima. Non fatevi intenerire da quel batuffolino: non sarà facile affezionarvi a lui, ma non avete idea dell'affetto che proverete nei suoi confronti, quando passerà un po' di tempo.
All'inizio sarà molto spaventato: è stato separato dalla sua mamma e dai suoi fratellini, non irritatevi se piange molto. Mettetevi a quattro zampe e rassicuratelo con parole dolci: vi seguirà.
Ricordate che non c'è nulla di ridicolo nelle vostre esagerazioni: deve abituarsi a voi e dato, che non è facile farsi capire subito da lui, il modo migliore è trattarlo quasi come un bambino.
Dovete stare attenti a non schiacciarlo, perché è molto difficile abituarsi alla sua presenza.
Non prendetelo troppo in braccio: dategli la libertà d'esplorare casa, ma non perdetelo d'occhio, perché è molto facile che rischi di farsi male seriamente. State attenti ai fili, angoli appuntiti e giocattoli (se avete bambini in casa) che possa ingoiare facilmente.
A proposito di giocattoli: fategli trovare oltre alle ciotole e i panni, qualche peluche o giocattolo di gomma. Di solito sono spaventati dal rumore che fanno gli ultimi, quindi prediligete i peluches. Non occorre comprarli: basta prendere qualche vostro vecchio pupazzo di pezza (ovviamente, che si adatti al suo piccolo musino).
Non abbiate paura di mostrarvi severi con lui: lo Spitz è un cane molto forte, un piccolo colpo di giornale sulla coscia (mai sulla schiena e mai troppo violento!) gli farà capire meglio i suoi errori. Cominciate però sin da quando è piccolo: ha un carattere davvero testardo e a volte, i toni fermi non bastano con lui. Riesce persino ad irritarvi, quando si rifiuta di fare i bisogni sul panno o li fa direttamente sul vostro letto. I primi tempi, evitate di farlo dormire con voi, anche se quando è cucciolo è il più bello e tenero di tutti, con il musetto da orsetto e la faccina tonda.

**IL CARATTERE**
Ogni cane ha il suo carattere, è vero, ma la voce che i volpini sarebbero isterici, non è proprio falsa.
Il volpino è un cane da guardia, molto impulsivo e geloso. La sua fama d'"abbaione" non è una leggenda e al più brusco rumore si dà ad un'irritante sequela di richiami, in grado d'innervosire il più dolce dei padroni.
I lati negativi però, sono abbondantemente compensati dalla loro intelligenza e dall'affetto incommensurabile che danno alla loro famiglia.
Si affezionano ad ogni membro, ma si legano davvero soltanto ad uno: talmente tanto che quando questo manca per qualche tempo, il loro carattere comincia a cambiare e diventano nervosi.
Sono anche molto possessivi ed egocentrici tant'è che non è raro vederli protestare nel vedere il loro padrone dare attenzioni a qualcun altro.
Simulano a volte comportamenti umani, questo perché sono dei grandi osservatori: il mio cane ad esempio dorme con me e poggia la sua testolina sul cuscino.
Un'altra loro caratteristica è l'incredibile capacità di distinguere nomi e suoni.
Sono dei giocherelloni vispi ed energici: adorano farsi inseguire con il loro giochino tra le piccole fauci. Arrivano a deprimersi se almeno una volta il dì, non si dedica loro qualche minuto al gioco.
Non fatevi poi ingannare dalla piccola statura: adorano uscire, correre e stare all'aria aperta per farsi lunghe passeggiate (se abituati).
Dopo la loro piccola avventura, adorano essere coccolati dalla stessa persona che li ha portati a passeggio e riempirla di baci (un modo per esprimere la loro riconoscenza?).
Lo spitz è fondamentalmente un cane diffidente. Non si fa accarezzare dagli estranei (se non raramente) e non socializza con gli altri cani. Il mio esemplare, essendo stato abituato ad un altro animale, non è aggressivo, ma altri Spitz maschi con i loro simili lo sono. State attenti quindi, ai cani di taglia grande.
Non è molto facile addestrare un volpino tedesco, ma dopo tre anni le prime incomprensioni possono essere superate.
Essendo molto testardi, bisogna essere davvero esperti per insegnargli determinati comportamenti (tipo: seduto).
Mettendovi con impegno però, chiunque è in grado di farsi seguire senza guinzaglio o farli fermare a comando. Il guinzaglio va portato sempre, ma è meglio che non vi sfugga mai e questi comandi possono essere utili al momento opportuno. E' importante anche usare con gli esemplari toy la pettorina al posto del collare.

**LO SPITZ USURPATORE**
Avete già animali?
Non disperate: non è detto che tutto vada a finire in tragedia, anche se le prime volte dovete essere molto attenti.
Il cucciolo è curioso ed essendo stato abituato ai suoi fratellini, non vede l'ora di fare amicizia con il suo nuovo amico (gatto o cane che sia). L'altro quadrupede invece, sta subendo un vero e proprio trauma: per anni ha gestito il territorio da solo e ora il primo venuto vuole rubargli le attenzioni!
I primi mesi dovete evitare che si avvicinino, soprattutto se il gatto appena lo vede soffia a non finire (o ringhia, nel caso del cane) dimostrandogli scarsa simpatia. Non lasciateli mai soli in casa e se dovete farlo, divideteli in camere separate, almeno per i primi tempi.
Lo Spitz è un vero coccolone da cucciolo: vuole attenzioni persino dal suo convivente quadrupede e finché non prende un bel graffio, non si rassegna a volerlo conoscere a tutti i costi. Parlo per esperienza personale eh?
La soluzione sta nel riempire d'attenzioni proprio l'usurpato ed evitare di farsi vedere da lui troppo entusiasti del nuovo amico.
Con il tempo non sarà strano vederli insieme, anche se qualche volta (ho un cane e un gatto, lo so bene!) bisticceranno per motivi loro, senza farsi male però!

**L'ALIMENTAZIONE**
Gli spitz adorano mangiare, come tutti i cani. I primi tempi si mangiano persino la plastica.
Purtroppo per loro, hanno anche uno stomaco delicato, quindi meglio abituarli solo ai croccantini.
Mantenere uno spitz dal punto di vista alimentare può essere molto costoso, dato che solitamente si nutrono con cibi specifici per i disturbi gastrointestinali (prezzo di una scatoletta? 3 euro!).
Evitate di dargli carne, pesce, prosciutto, dolci (è veleno!) e se fanno i capricci a tavola e non resistete, date loro solo la crosta del pane (mai imbevuta con olio o salse però!).
Fare questa scelta renderà felici loro, però mangiando solo croccantini i vostri cani non avranno problemi alla dentatura.
Ricordatevi (in caso contrario) di sottoporli una volta l'anno, ad una seduta di sbiancamento dei denti dal veterinario. Costicchia, vi avviso!

**MASCHIO O FEMMINA?**
Il primo dilemma è il sesso del nuovo arrivato.
Io ho uno spitz maschio, ma ho avuto modo di conoscere da vicino anche esemplari femmine (nel tentativo vano di fare accoppiare il mio).
Devo essere breve? Il maschio è senz'altro più cocciuto e vivace, la femmina più dolce e sensibile.
La femmina è più obbediente e nelle sue manifestazioni d'affetto più delicata, ma non sempre è una compagna di giochi vivace.
Il maschio ha un pelo più folto, ma stranamente non lo perde per tutta la casa e va pettinato meno spesso.
Sta alle vostre esigenze scegliere che cosa volete dal vostro cane.
Un consiglio fondamentale: se volete una cagna da fare accoppiare e non avete esperienza, prendete sempre uno Spitz piccolo. Difficilmente le femmine toy sopravvivono alle cucciolate o fanno più di un cucciolo, soprattutto quando non sono gestite da esperti della razza.
Indipendentemente dalla vostra scelta, ricordate che è molto importante decidere se fare accoppiare o no il vostro cane: le femmine vanno sterilizzate prima dei 5 anni, in caso di "mancato incontro".
I maschi prima dei 7 anni vanno castrati, per evitare che si ammalino di tumore alla prostata.

**CONSIGLI PER L'ACQUISTO**
Dovete rivolgervi ad un allevamento (meglio se iscritto all'ENCI). Il sito www.canitalia.it propone una serie d'allevamenti, consultabili via online.
Il prezzo varia dai 700 ai 9000 euro (avete letto bene!). Il mio ad esempio, essendo figlio di campioni, valeva 3,000 con il pedigree.
Raramente l'allevatore vi cederà un esemplare notevole senza pedigree, dato che il suo obiettivo è cederlo al migliore offerente. Potete provare, soprattutto se il venditore è vostro amico o vi ha in simpatia.
Il vostro obiettivo è prendere un cane da compagnia o da competizione?
Non è il caso di spendere una valanga di soldi, se non si è interessati alle mostre.
L'allevatore può cedervi un cucciolo di sangue "non blu"(che brutto dirlo!) anche a 600 euro, se non volete il pedigree.
Il prezzo non c'entra nulla la stazza del vostro amico: non si può mai prevedere se il vostro cane sarà un toy o no. E' difficile che le madri toy, possano sopravvivere al parto. Gli allevatori preferiscono sempre fare accoppiare un toy maschio con una femmina piccola.
Dei cuccioli che nasceranno, solo uno rimarrà di dimensioni ridotte: è il caso (come ho detto prima) a giocare un ruolo importante.
Una soluzione più dispendiosa è un privato, che potrebbe regalarvi un cucciolo (se siete davvero fortunati) o cedervelo per 400 euro, ma assicuratevi che sia una persona affidabile.
Non me la sento di condannare i negozianti, ma sono ben pochi quelli seri, che possono garantirvi una provenienza dal territorio italiano.
Il costo di uno spitz da un negozio è molto inferiore rispetto a quello da un allevamento, ma così facendo aumenta (e di molto!) il rischio di malattie e mortalità. La tratta dei cuccioli, fa molte vittime: padroni distrutti e cagnolini infetti.
Nel migliore dei casi potreste ritrovarvi un mezzo sangue (un miscuglio di razze) o un cane d'altro sesso.
Non dimenticherò mai il racconto di quel signore, che mi disse d'essersi ritrovato un cucciolo di sesso femminile. Aveva visto il cane in vetrina e ha chiesto alla responsabile del negozio se fosse maschio, la signora pur di venderglielo ha dato una risposta positiva. Per fortuna, una volta scoperto l'imbroglio, il signore in questione non ha riportato indietro il batuffolino bianco appena accolto in casa.
Un cane non è un pacco e una volta che voi l'avete accolto in famiglia, è un vostro dovere curarlo.

Ho scritto un'opinione molto lunga proprio per chiarirvi che lo Spitz è un cane come tutti gli altri: con le sue esigenze e particolarità e ho voluto essere esauriente.
Un ultimo messaggio: scordatevi di scambiare un cane toy per una bambola e di sfoggiarlo in piazzetta con un ridicolo vestitino addosso (ho assistito personalmente ad una scena pietosa come questa). Dovete coprirlo col cappottino solo quando sente davvero molto freddo: l'unico modo per capirlo è vedere se trema e vuole stare in braccio a tutti i costi. Non sempre la sua folta pelliccia lo protegge.
Chi accoglie un cane in famiglia, sa di andare incontro a cambiamenti, anche banali (quante liti per strada, con chi non ama i cani!) e di dover accettare anche i difetti del proprio amico a quattro zampe.
Un cane comporta ogni tipo d'impegno: effettivo ed economico, prima d'accoglierlo in casa, assicuratevi di poterlo mantenere. Posso solo dirvi che uno degli impegni più belli che possiate prendere, è proprio accogliere un nuovo amico in casa.

Conclusione: Non esiste il cane perfetto e neanche questo lo è.

Acquista qui

Spitz TedescoRecensioni