Samsung LE-32R51B
Samsung LE32R51B: il mio primo LCD - Samsung LE-32R51B TV

Più TV Samsung

L'Opinione più recente: ... ciò che intendo quando differenzio l'innovazione tra reale e pubblcitaria. Diciamo una prima puntata che vedrà la momentanea conclusione... altro

Samsung LE32R51B: il mio primo LCD
Samsung LE-32R51B

profman

Nome dooyoo: profman

Prodotto:

Samsung LE-32R51B

Data: 07/02/12

Valutazione:

Vantaggi: resa nel tempo, 100 Mhz

Svantaggi: 1 sola hdmi e niente usb audio/video/foto

Fine 2005, siamo all'inizio di una sorta di rivoluzione, la prima vera innovazione dall'avvento del colore: gli schermi a tubo catodico hanno finito il loro ciclo (c.d. CRT) ed il mercato inizia ad essere invaso - "ora" a prezzi abbordabili - dai nuovi LCD caratterizzati da uno spessore irrisorio (se confrontanto ai vecchi televisori).
Sono passati poco più di 6 anni ed i televisori vivono un'evoluzione (a volte apparente per i più) continua: insomma, per 30 anni la motivazione di un cambio di telivisore era data dalla sua rottura, dal logorio dei componenti (ad es. il c.d. effetto cuscino) o dalla possibilità, per pochi, di volersi dotare di schermi più grandi.

Ora (inizio 2012) è come se vivessimo in un altro mondo, ci dobbiamo confrontare con un evoluzione/obsolescenza (spesso indotta) rapidissima e paragonabile solo a (mia memoria) a quella della telefoniza mobile. In rapida successione abbiamo imparato a conoscere la bellezza del plasma, il risparmio energetico (e la sottigliezza) dei LED, la "necessità" di avere un televisore che si possa connettere ad internet, la chimera del 3d (questo è un altro discorso), le app, ecc..

Onestamente, l'idea di scrivere su questo "vecchio" modello Samsung a 32", mi è venuta solo dopo una considerazione abbastanza recente: per anni quando lo accendevo la sensazione è stata del tipo "wow, com'è grande e che immagine perfetta". Ora, dopo solo qualche mese di ulteriore passaggio in avanti e acquisto di un nuovo modello (sempre Samsung) a tecnlogia LED, 40", digitale terrestre integrato, connessione ad internet, app, fantomatico 3d, connessione wirelwss con cellulari e pc... mi sembra piccolo, vecchio e non più tanto perfetto! Paradossi e velocità dell'innovazione e della percezione umana.

Lo dico subito per non ingannare nessuno, trattandosi di un prodotto fuorimercato, oltre ad un'analisi tecnico/prestazionale "attualizzata" (utile, credo, solo a chi voglia ricorrere al mercato dell'usato), chi continuerà la lettura, troverà quà e là anche molti commenti pragmatici, con l'intento, da appassionato, di far capire ciò che intendo quando differenzio l'innovazione tra reale e pubblcitaria. Diciamo una prima puntata che vedrà la momentanea conclusione nell'opinione sul nuovo Samsung UE40D6000. Convinto, come sempre, che gli acquisti debbano basarsi sulle reali esigenze attuali (e prospettiche), umanamente commisurati alla personale "frivolezza" del piacere personale (estetico o altro che sia).

<< Conclusioni >>
Siamo nel 2012 e mi tocca partire con cosa questo "vecchio" modello di Lcd Samsung (precisamente LE32R51B) non ha: usb per audio/video/foto, possibilità di connettersi a internet, 3d... a ben vedere la prima "mancanza" è facilmente superabile con le porta Hdmi o Vga per la connessione con qualunque pc o gli onnipresenti 3 jack colorati per la connessione a foto/videocamere. Dato l'anno, "ovviamente" non ha il digitale terrestre integrato (prima o poi mi sfogherò contro questa malsana, inutile e costosa "innovazione")...
Dopo 7 anni ed un intenso utilizzo, abbinato ad un decoder hd di sky (il codice per l'abbinamento del telecomando è 0672), a sua volta munito di chiavetta per il digitale terrestre (comodissima) le immagini sono ancora nitide e pulite grazie alla risoluzione massima di 720p (ovvero Hd Ready) ed un suono chiaro e ben bilanciato (non sono un tecnico in questo campo) grazie alla tenuta ottimale dei due altoparlanti inclusi da 10 Watt l'uno, posizionati al di sotto dello schermo, in modo da risparmiare spazio lateralmente (all'epoca erano parecchi i modelli con le casse laterali).
Ovviamente la resa dipende dalla qualità della fonte, ma l'elevata scansione dell'immagine (100Hz), la risoluzione di tutto rispetto di 1366x768 pixel, il fattore di contrasto (tra il bianco e il nero più scuro) di 1:3000 e la luminostà (500) sono valori che ritengo ancora molto validi che rendono la visione ancora molto d'impatto e le immagini in movimento fluide e senza alcun effetto scia. Certo, i modelli nuovi (come, appunto, il 40D6000) hanno rese complessivamente superiori... ma, a volte, mi piace ricordare come, in fondo, il vecchio LCD sia tutt'altro che superato...
Unico sostanziale difetto è stato nel collegamento in hdmi con il decoder sky hd: dava dei problemi di visualizzazione ed il servizio clienti di sky mi ha consigliato di disattivare il passaggio in automatico quando si accende il decoder; conseguenza è che tocca premere l'apposito tasto (source). Strano e noioso.

<< Specifiche tecniche >>
- Marca e Modello: Samsung LE32R51B
- Schermo: 32" TV LCD HD Ready a matrice attiva (TFT)
- Coonessioni: 1 ingresso VGA (15 PIN HD D-Sub ), 2 SCART (SCART 21-pin), 1 ingresso video composito (fono RCA), 1 ingresso S-video (Mini-DIN 4-pin), 1 x ingresso componente video (RCA phono x 3), 1 ingresso linea audio (da 3,5 mm), ingresso RF, uscita linea audio, uscita cuffie, HDMI
- Dimensioni: (L) 79.7 x (P) 24.9 x (A) 65.1 cm
- Peso: 17.7 kg
- Risoluzione: 1366 x 768 a 720p
- Altezza/larghezza: 16:9
- Contrasto dinamico: 3000:1
- Luminosità: 500 cd/m2
- Angolo di visione: 170 gradi (verticale e orizzontale)
- Controllo temperatura colore Sì
- Altre caratteristiche: DNIe (Digital Natural Image Engine), Picture-in-picture (PIP), sistema ricezione stereo NICAM, televideo (memoria 1000 pagine)
- Sistema audio: stereo con 2 altoparlanti integrati da 10 Watt l'uno
- Potenza assorbita: stand by/sleep <1 Watt ed in attività 184 Watt

<< Prova sul campo >>
Il Samsung LE 32 R51B è una tv LCD (c.d. cristalli liquidi). Lo schermo a 32 pollici supporta una qualità video c.d. HD Ready con il formato panoramico a 16:9 8wide), un risoluzione massima di 1366x768 pixel, un contrasto di 1:3000 ed una luninositàd di 500 cd/mq. Questi i numeri, il nero non è nero come in modelli recenti, ma la resa finale è tutt'ora più che soddisfacente. Anzi, probabilmente grazie ai 100 Mhz di scansione dell'immagine, non ho mai avvertito la presenza del c.d. "effetto scia" di cui leggo spesso lamentarsi molti utenti di vari forum.
L'angolo di visuale (170° in verticale ed orizzontale) è più che sufficiente per poter affermare che la qualità dell'immagine si mantiene di elevato livello "da ogni angolatura".
Il consumo energetico è pari a 184 Watt, circa il doppio di un led e meno della metà di un plasma.
La regolazione è molto personalizzabile con valori preimpostati sia per il video che per l'audio: mi ci sono affidato senza scendere troppo nei dettagli.
Come detto e come prevedibile, il televisore non ha il digitale terrestre integrato: personalmente ho risolto con la digitla key di sky, molto comodo per eliminare qualche telecomando dalla poltrona e non farla sembrare una stazione di comando della Nasa.

Design ed estetica
All'epoca, le dimensioni di questo Samsung LE32R51B mi sembravano irrisorie, soprattutto per lo spessore di neanche 10 cm, ma venivo da un vecchio e mastodontico tubo catodico: ora mi sembrano a tratti eccessive, ma le confronto con un nuovo led.
Esteticamente gradevole, con una cornice nera intorno al pannello ed una fascia a diagonali incrocianti di colore grigio posta al di sotto per racchiudere le due uscite audio da 10w l'una.
Nella scatola era incluso il telecomando, il manuale di istruzioni - vedi link segnalato in basso - ed il piedistallo da tavolo (anch'esso grigio).

Funzioni integrate
Le funzioni di sintonizzazione (PAL, Secam e NTSC) oramai non hanno più senso. Mi soffermo, quindi brevemente sul menu. Semplice ed invariato nel tempo (solo le icone sono state addolcite col passare degli anni), è di facile accesso sia dal telecomando che dalla pulsantiera posta su lato sx del televisore e permette di gestire l'immagine, l'audio, le sorgenti.
Da segnalare la presenza della funzione PIP (Picture in Picture) per la riproduzione contemporanea di immagini diverse (ad es. la partita in una angolo mentre si gioca a tutto schermo): sinceramente.. l'ho provata ma mai utilizzata veramente.
Infine la funzione DNE (Digital Natural Engine), ovvero un sensore di luminosità ambientale.

Connessioni
Diverse per l'epoca, poche hdmi per il 2012. Ma è il passo dei tempi. Manca una porta usb.


<< Link Utili >>

Manuale italiano (Samsung): http://j.gs/1164842/samsungle32r51bmanual


{opinione personale da me pubblicata anche altrove}

Conclusione: dopo più di 6 anni fa ancora la sua bella figura