Sony FDR-AX33
un ottima videocamera - Sony FDR-AX33 Videocamera

Più Camcorder Sony

L'Opinione più recente: ... Ultra HD ( 3840x2160 ) risoluzione video a 24 o 30 fps utilizzando XAVC S codec di Sony . Si registra anche video a 1080p fino a 60 fps in ... altro

un ottima videocamera
Sony FDR-AX33

antonio98la

Nome dooyoo: antonio98la

Prodotto:

Sony FDR-AX33

Data: 12/10/15

Valutazione:

Vantaggi: è perfetta

Svantaggi: non ce ne stanno

Ho avuto modo di provare approfonditamente questa cam con la mia precedente PJ740 (Full HD, del tutto simile alle precedenti top di gamma Sony - CX730, PJ780 ecc). Questa AX33 riprende linee e forme dei modelli di due anni orsono, abbandonando le dimensioni, troppo impegnative, della AX100 e CX900; hanno lo stesso obiettivo (pur se varia leggermente la focale) e condividono lo strepitoso ed insuperato sistema di stabilizzazione 'Boss'. Diciamo subito che, settate le due videocamere sul full HD (1920 x 1080 sul progressivo 50p), le differenze sono intervenute indubbiamente in favore dell'ultima arrivata. Il vecchio modello è più grandangolare (26,9 mm rapportato al 35mm contro 29.8), ma presenta maggiori aberrazioni cromatiche e la AX33 è indubbiamente più incisa. Penso che in casa Sony abbiano pensato bene di "stressare" meno l'biettivo, e, al prezzo di una minore "grandangolarità", la qualità ottica è migliorata, e non di poco. La maggior qualità è indubbiamente anche dovuta al fatto che la AX33 può registrare nel nuovo formato di compressione XAVC S a 50mbps, anziché a 28mbps nel classico AVCHD, pur presente; tuttavia è necessaria una memory card assai veloce. In scarsa illuminazione la vecchia cam è più scura, ma pià pulita, mentre la nuova è produce immagini più chiare ma con maggiore rumore elettronico; per ovviare parzialmente a tale inconveniente, si può limitare il guadagno ad un valore di 18 o 21 db.
La differenza, però, la fa il 4K. Avevo già adoperato la precedente AX100, e devo dire che questa AXP33 non fa che confermare la spettacolarità del nuovo formato ad ultradefinizione; dato che non ho più venti primavere, il salto di qualità è simile a quello che vi fu negli anni novanta, allorché venne introdotto il DV (720 x 576!) che sostituì i vari VHS, S-VHS, Hi8 et similia. Certo, qualche compromesso è da accettare, pur considerando il prezzo di "soli" 1.100,00 euro circa: in basse luci (per capirci, in una stanza illuminata artificialmente con lampada di normale potenza), girando in 4K si perde ancora un po' di grandangolarità e, come detto, si nota un certo rumore elettronico; inoltre, non dimentichiamoci che (sempre in 4K e per i modelli PAL europei) il framerate è regolabile su 24p o 25p: nulla di grave, ma scordatevi la fluidità del 50p (comunque presente in full HD); sicuramente in un prossimo futuro avremo cam del genere che supporteranno tranquillamente il 4K 50p. Da valutare, inoltre, che per montare il girato in ultradefinizione bisogna munirsi sia di programmi di editing di ultimissima generazione, sia di computer molto potenti.
La AX33 (disponibile anche nella versione più costosa AXP33, col proiettore), comunque, è ben costruita, abbastanza piccola, la si impugna bene, ha, come detto, uno stabilizzatore incredibilmente efficiente, regolazioni manuali sufficienti; è pure provvista di un di un mirino elettronico ribaltabile.
In conclusione, si può dire che questa Sony sia in ogni caso un ottimo camcorder Full HD con una marcia in più: quella di potere girare in 4K a 24p o 25p; visto il prezzo non proibitivo e la qualità di costruzione e delle lenti, un serio appassionato ne rimarrà molto soddisfatto. Proprio a voler trovare un punto debole, questo è senza dubbio rappresentato dalle appena sufficienti prestazioni in luce scarsa e dal fatto che mancano alcune regolazioni (livello di riduzione del rumore elettronico, nitidezza, contrasto, saturazione ecc.).
Ancora, mi preme sottolineare come da un approfondito confronto diretto questa Sony abbia surclassato la tanto blasonata Panasonic X920/929 (che, però, risale ad oltre due anni orsono): in interni ed in automatico, pur se la Sony non è una campionessa, le sue immagini sono più piacevoli e pulite; questo perché la Panasonic manifesta drammaticamente il suo solito tallone di Achille costituito da un rumore elettronico devastante, checché ne dicano varie recensioni.
Da ultimo, avendo comprato qui su Amazon pure la Sony AX100 (poi restituita), posso francamente dire che, a mio parere, tutto considerato conviene acquistare la AX33; lo scotto da pagare è una leggerissima minor qualità delle immagini, ma ci guadagna il portafogli e lo stupefacente stabilizzatore. La minima differenza in qualità a favore della prima (soprattutto in luci davvero basse) è dovuta al fatto che la AX100 ha un sensore più grande (un pollice contro 1/2.3 di pollice), quindi con un vantaggio in termini di sensibilità di circa due stop; la AX33, però, si rifà parzialmente avendo un obiettivo (sempre alla apertura massima in grandangolo) più luminoso di 1,3 stop, cioè f1,8 contro f2,8; ora, tralasciando altre differenze che allungherebbero enormemente il discorso, si può concludere che in termini di sensibilità alla luce la AX100 abbia un modesto vantaggio di 2/3 di stop.
Altro difettuccio di questo camcorder è che Sony deve aver dimenticato che siamo nel 2015: oltre alla perdita di grandangolarità rispetto ai precedenti modelli, lo zoom è ancora fermo a 10x, quando alcune fotocamere hanno escursioni focali che ormai hanno superato gli 80x!
Altra delusione è stata constatare come le aberrazioni cromatiche non siano sparite, pur migliorate rispetto ai modelli con lo stesso obiettivo; ancora, in tele si ripresenta altro difetto tipico di Sony, il wobbling: l'immagine non sta del tutto ferma, è come se ribollisse un poco. Avrete capito che questa cam mi ha deluso, al pari delle AX100-CX900 oppure, peggio ancora, Panasonic WX970-VX870; per tacere di JVC e Canon, che ultimamente non ne azzeccano una.
In conclusione, vista la concorrenza di molte fotocamere che, oramai, con i loro enormi sensori girano dei video stupefacenti, mi domando come mai i produttori, se vogliono evitare la estinzione delle nostre amate e classiche videocamere, non spingano a produrre un modello abbordabile che giri il 4K a 50p con zoom almeno 20x e soddisfacenti prestazioni in basse luci! Saluti Paolo

Conclusione: consiglio l'acquisto